La Cina

Il pil cinese ha superato quello italiano, supererà anche quello degli altri paesi europei visto che gli abitanti della Cina sono più o meno un miliardo + la popolazione europea. E il pil viene distribuito, non equamente, tra gli abitanti di un Paese.
Come arginare o controllare la crescita cinese in modo che non rovini le nostre “civili” società?
E’ semplice: loro esportano prodotti, noi dovremmo esportare in Cina i nostri sindacalisti.

Tossina della Difterite contro il Cancro?

Un medico italiano in 30 anni di ricerca ha cercato di dimostrare e capire perché la tossina della difterite blocchi l’evoluzione dei tumori. Gli sutdi in Italia non hanno avuto nessuna eco, infatti cercando su goolge le parole difterite e cancro non troviamo nessun risultato che ci porti ai suoi studi.
Se facciamo la stessa ricerca usando i termini inglesi diphtheria e cancer troviamo che la notizia è stata riportata dalla BCC e gli articoli del Dott. Silvio Buzzi pubblicati su American Association for Cancer Research.
Forse la ricerca su questa strada non porterà a niente, ma è comunque una via che varrebbe la pena di provare a percorrere. E su cui fare chiarezza.

Non mi chiedete più di mettervi in contatto con il Dott. Buzzi, ne so quanto voi (ora che avete letto questo).
Però potete usare il mio blog per scambiarvi informazioni e magari qualcuno che sa come contattarlo salta fuori

Lavavetri

I lavavetri ai semafori ultimamante sono considerati un grosso problema. C’è chi si propone di eliminarli esplicitamente, ma girando per le città si nota già una loro diminuizione per cause naturali.
Perché allora non accelerare ancora di più questo processo sostituendo a tutti i semafori con le sempre più in voga rotonde?

Nassiria, 2 anni dopo

Ho appena sentito al TG che sono passati 2 anni dalla morte dei militari italiani in Iraq. Me ne ero praticamente dimenticato, ma mi sono tornati in mente gli stessi pensieri di allora.
Non sono contro i militari, io sono contro la guerra. I nostri militari dovrebbero però rischiare la vita per difenderci, non per altri fini (tra l’altro senza mandato ONU).

Comunque rischiare la vita fa parte del loro mestiere e forse è giusto onorarli con funerali di Stato, medaglie e riconoscimenti vari.
Ma che facciamo per i circa 350 morti all’anno del comparto edile? Anche loro fanno un mestiere dove è previsto rischiare la vita?

http://www.pizzinato-lulivo.it/us/051005.html
http://www.alef-fvg.it/sicurezza2003/pprf/ediliza2004.htm