Calderoli e maiale

14/09/2007 1 di D.ian

Oggi il buon Calderoli se ne è venuto fuori proprio con una battuta simpatica. La proposta di far pisciare un maiale (lui stesso?) sul terreno dove verrà edificata una moschea così da sconsacrare il terreno e impedirne la costruzione. Quello che a me stupirebbe sarebbe se veramente la moschea non venisse costruita, questo dimostrerebbe che in fondo Calderoli ha ragione….
Ma per fortuna sembra che gli islamici, almeno quelli che in Italia si sono occupati della questione, non siano così deficienti come l’ex ministro delle riforme. Riporto un estratto da Il Corrire:
Ci deve essere rimasto proprio male quando sia il portavoce dell’Ucoii, Ezzedin Elzir, sia il responsabile del comitato promotore della nuova moschea di Bologna, Radwan Altoungi, sia infine il sedicente imam della moschea napoletana di Piazza Mercato, il convertito Yasin Gentile, hanno sostenuto che anche se Calderoli dovesse portare non uno, ma 50 maiali per urinare su quel terreno, la moschea si costruirà ugualmente perché è sufficiente lavarlo con l’acqua.

Un breve inciso:
se maiale (m.s.) non dà così tanto fastidio all’Islam, maiale (f.p.) quanto dà fastidio al Cattolicesimo?